Virtualizzazione server: cos’è, vantaggi e perché usarla

Tabella dei contenuti

La virtualizzazione di un server può essere indispensabile se vuoi ottimizzare e velocizzare la gestione della tua attività (anche da remoto), sfruttando al massimo l’hardware a tua disposizione.

Di certo avrai già sentito parlare di questa tecnologia; ma sai davvero cos’è, a cosa serve e quali sono i suoi vantaggi? Vediamo meglio come funziona e perché dovresti considerare la virtualizzazione server per il tuo business. 

Virtualizzazione Server: cos’è?

Virtualizzare un server è un processo che permette di creare tante macchine virtuali (VM), partendo da un server fisico. In questo modo, l’esecuzione di diversi workload diventa indipendente ed è possibile così sfruttare ( e condividere ) le risorse del server fisico per più applicativi.

La suddivisione avviene grazie ad un software dedicato ( hypervisor ) che separa le macchine virtuali dall’host e distribuisce le risorse di elaborazione ad ogni macchina, in base alle proprie esigenze. 

Per fare esempio, considera le risorse fisiche come CPU, RAM o periferiche. Virtualizzare il server significa condividere queste risorse con le macchine virtuali, simulando il sistema operativo e utilizzando le risorse di un solo PC host. Un’operazione che avviene in uno spazio virtuale molto più esteso rispetto a quello disponibile su una macchina fisica. 

I vantaggi della virtualizzazione

Scegliere la virtualizzazione per la propria attività significa usufruire di un sistema di gestione semplificata del data center che può migliorare l’efficienza del business e favorire la gestione automatizzata dell’IT. 

Grazie a questa tecnologia è possibile: 

  • Condividere le risorse di un server fisico con più workload (che altrimenti sarebbero sovradimensionate)
  • usufruire di uno spazio di archiviazione più esteso;
  • lavorare con più applicazioni in uno stesso host;
  • ridurre le spese legate all’acquisto e alla manutenzione dell’hardware;
  • effettuare regolari backup dei dati;
  • programmare il data recovery per ripristinare i dati persi o danneggiati sul server fisico (ma salvati in quello virtuale).

In particolare, la virtualizzazione del server garantisce una maggiore sicurezza riguardo ai dati
Tutte le informazioni, infatti, vengono salvate grazie a backup regolari. Inoltre, sono protette da eventuali danni fisici (come furti o incendi, per esempio) e si possono ripristinare facilmente tramite il disaster recovery.

Quali sono i tipi di virtualizzazione

Esistono diverse tipologie di virtualizzazione server

In particolare, si distingue tra:

  • Virtualizzazione completa. L’hypervisor collabora con il server fisico per prendere le risorse e distribuirle nelle varie macchine virtuali che rimangono separate e indipendenti le une dalle altre, eseguendo ciascuna il proprio sistema operativo. Attualmente questo è il metodo di virtualizzazione più diffuso. 
  • Paravirtualizzazione. Questa tipologia di virtualizzazione è simile a quella completa, ma si differenzia da quest’ultima perché le operazioni si effettuano solo sull’hardware principale del sistema. Il servizio può essere meno stabile, ma l’accesso alle risorse è più ampio. 
  • Virtualizzazione del sistema operativo (tecnologia container LXD) . Le macchine virtuali funzionano in modo indipendente, ma eseguono lo stesso sistema operativo del server fisico perché la virtualizzazione avviene direttamente all’interno del server fisico.

Differenze tra virtualizzazione e cloud computing

La condivisione di dati e risorse in un mondo virtuale e la gestione semplificata da remoto fa sì che la virtualizzazione venga associata spesso al cloud computing. Invece, le due tecnologie si distinguono perché:

  • la virtualizzazione consente di ottimizzare la produzione riducendo l’uso di hardware fisici;
  • il cloud computing migliora l’accessibilità su applicazioni e database interni ed esterni grazie ad un servizio di distribuzione on-demand che si paga in base al consumo. 

Pur essendo due sistemi distinti, la virtualizzazione è alla base di un sistema di cloud computing, con la differenza che solitamente i Cloud Compute vengono offerti come IaaS dai principali provider, mentre la virtualizzazione fisica tramite hypervisor, può essere gestita da utenti finali, dovendosi preoccupare di gestire l’hardware e tutto il sistema sottostante alle VM

I principali software di virtualizzazione: cosa sono e cosa fanno

I software di virtualizzazione garantiscono di astrarre l’hardware e condividerlo a livello virtuale alle VM, come fossero realmente installati su un server fisico. 

Semplificando, il software di virtualizzazione permette di creare una copia delle funzionalità dell’hardware da allocare e riprodurre nelle macchine virtuali in base alle proprie necessità. 

Ma i software sono tutti uguali?

I migliori software di virtualizzazione

Di software di virtualizzazione ne esistono tanti, ma in cosa si differenziano? 

Ecco i migliori in circolazione:

  • Oracle VM Virtual Box (PC): gratuito, facile da utilizzare e da configurare. Permette di eseguire più sistemi operativi in una sola macchina, ma l’interfaccia è datata e alcune funzionalità sono limitate.
  • VMware Workstation Pro (PC): a pagamento, ma con costo contenuto. Di facile utilizzo e personalizzabile, consente di eseguire più sistemi operativi su macchine Linux e Windows, oltre a virtualizzare molti sistemi operativi compatibili con Intel. 
  • Microsoft Hyper-V (SERVER): gratuito e intuitivo. Può eseguire sistemi operativi in Windows, Linux, FreeBSD e consente il collegamento con altri dispositivi virtuali. L’interfaccia va migliorata nella gestione delle sue funzionalità.
  • Parallels Desktop (PC) : a pagamento (ma con prezzo accessibile), pensato per chi utilizza hardware Apple. Interessante a livello grafico, esegue sistemi Linux ed è compatibile con Intel, consentendo l’uso di tutti i programmi Windows che spesso hanno funzionalità limitate su macOS.
  • QEMU (SERVER) : open source ma un po’ più complesso da utilizzare. Pensato soprattutto per i sistemi basati su x86, copia completamente anche altre architetture (come ARM e PowerPC). 
  • VMWare ESXi : gratuito e/o a pagamento, è il principale software hypervisor di virtualizzazione in ambito enterprise presente sul mercato.

Vuoi anche tu razionalizzare i tuoi workload, rivedendo il parco macchine e valutando la virtualizzazione, ma non sai da dove partire? 

In MZeroNetwork possiamo fornirti consulenza e assistenza sulla virtualizzazione. 

Mettiti in contatto con noi: prenota subito il tuo appuntamento gratuito!

Votati 4.6 su 5, con 17+ recensioni
Abbonamenti di gestione server per un business zero-pensieri!
  • Supporto illimitato

  • Prezzi fissi

  • Monitoring H24

Gli ultimi dal BLOG

Come migrare da VMWare esxi a proxmox

Come migrare VM da VMWare ESXi a Proxmox VE

Con il continuo sviluppo della tecnologia di virtualizzazione, sempre più persone necessitano di migrare le proprie macchine virtuali VMware ESXi esistenti, sulla piattaforma di virtualizzazione

Scopri gli abbonamenti zero-pensieri!
Un servizio di gestione della tua infrastruttura all-in-one, con costi trasparenti e professionalità al servizio del tuo business
Scopri gli abbonamenti zero-pensieri!
Un servizio di gestione della tua infrastruttura all-in-one, con costi trasparenti e professionalità al servizio del tuo business